Nella seconda metà del mese di Giugno 2013, a Monaco, in Germania, si terrà la più grande fiera dell’industria solare dedicata all’autoconsumo delle energie rinnovabili.  L’Intersolar Europe è un punto di riferimento per questo settore, ma anche un’opportunità di aggiornamento ed allineamento internazionale che mantiene alto l’interesse per gli investitori industriali.

Se il fotovoltaico diventa interessante soprattutto in termini di risparmio sui consumi, la tendenza a consumare l’energia generata dalle proprie risorse è relativamente recente, ma sin da subito è diventata una novità radicale per quanto riguarda l’approvvigionamento dell’energia. Il risultato è che decine di aziende scelgono di investire nelle tecnologie del fotovoltaico traendo vantaggi economici dai sistemi di autoconsumo. Ciò dimostra che il prezzo dell’energia elettrica sta raggiungendo prezzi insostenibili per chiunque, soprattutto in un periodo storico in cui le tasse non mancano di certo.

I benefici maggiori dell’autoconsumo saranno delle aziende e delle industrie che sfrutteranno questa fonte di energia perché l’innovazione industriale, lo sviluppo tecnologico e l’adozione di alcune norme che ne tutelano la sostenibilità ambientale, sono aspetti dinamici della società che ci rendono attori e spettatori  di un radicale cambiamento in atto nelle energie rinnovabili, ed in particolare negli impianti fotovoltaici.

L’energia elettrica generata da impianti fotovoltaici non corre il rischio di rincaro sui prezzi, ed è un settore in cui il finanziamento pubblico viene elargito in molti Paesi europei, tra cui l’Italia. I recenti decreti ministeriali varati dal Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera, che prevedono incentivi per l’energia prodotta da fonte rinnovabile, sono interessanti perché lasciano intendere una stabilizzazione di quest’ultimi per il raggiungimento dell’efficienza energetica entro il 2013. Insomma, un altro segnale che poco toglie alla fotografia di un’Italia che vive una situazione d’incertezza, ma che dimostra pur sempre di essere un Paese in ripresa.

Secondo alcune stime il 2013 sarà probabilmente, per l’industria solare, un anno migliore rispetto al 2012, e sarà denso di novità nel settore delle energie rinnovabili. La sensazione maggiormente diffusa sulla produzione di energia rinnovabile è che rappresenti un’efficace alternativa agli standard produttivi sotto diversi punti di vista. Innanzitutto quello economico, dato che l’ autoconsumo dell’energia, ossia il produrre energia per se stessi, è sinonimo di risparmio energetico e comunque, com’è stato già detto, non rischia rincari. Inoltre, l’uso dell’energia rinnovabile e dell’installazione di impianti fotovoltaici, sono argomenti al centro di alcuni dibattiti ambientali incentrati sulla riduzione dell’inquinamento, pur ricoprendo ormai una buona percentuale come generatori di energia in tutta l’Europa. E, come da direttiva europea, lo smaltimento dei moduli fotovoltaici deve avvenire necessariamente attraverso la raccolta differenziata affinché essi vengano riciclati. Questo a sottolineare il grado di affidabilità e di innovazione di questa nuovo tipo di energia.

FONTE: http://www.datamanager.it/news/intersolar-europe-impianti-fotovoltaici-su-coperture-industriali-e-commerciali-42790.html

Il fotovoltaico è ormai un settore che va sempre più consolidandosi e per ottenere il giusto compromesso tra costi, prestazioni e sicurezza, le migliorie ingegneristiche sono possibili ed ormai necessarie.

In passato, le scadenze dei generosi incentivi e le difficoltà nell’ottenere le varie autorizzazioni, portavano spesso a puntare tutto sulla rapidità del servizio a scapito della ricerca e dello sviluppo nella fase di progettazione e messa in opera.

Nel nostro paese questo settore oggi è alla ricerca di competitività. In un periodo in cui gli incentivi sono stati dimezzati, affidarsi alle capacità delle nostre figure professionali appare un’ottima via d’uscita. Puntare dunque sulle idee anziché sugli improbabili interventi politici per continuare, anzi riprendere a fare ciò che nel nostro paese si è sempre fatto: ingegneria di alto livello, audace e capace.

Chi si occupa di impianti fotovoltaici sa alla perfezione che a dettare l’effettiva prestazione del pannello è la temperatura, le caratteristiche dell’irradiazione e il suo angolo d’incidenza. Pertanto è chiaro che un pannello da il meglio in condizioni ottimali che raramente nell’arco di un anno si verificano. Quindi, non è utopia ripensare oggi ad una nuova struttura degli impianti in modo tale che essi forniscano sempre la miglior prestazione anche in presenza di particolari condizioni meteorologiche. E’ assodato come le energie rinnovabili costituiscano ormai un’esigenza comune a tutti le nazioni, a causa dei cambiamenti climatici. Pertanto, per sfruttarle al meglio è fondamentale conoscere le loro potenzialità e programmarne il corretto utilizzo, puntando su industrie specializzate in energie pulite e continuando a stimolare la domanda con i giusti incentivi, soprattutto in questa particolare congiuntura economica.

Un comparto destinato a svilupparsi naturalmente e che può rappresentare un’ottima opportunità per i giovani, i quali puntando sulla formazione, possono diventare professionisti del settore, della produzione e della messa in opera. Nel nostro paese sono molteplici le iniziative ed i bandi che vengono pubblicati a sostegno delle energie rinnovabili. Così come i corsi professionali per diventare professionisti della messa in opera di impianti fotovoltaici, un settore che richiede particolari competenze, non sempre facili da reperire. In particolare, la posa in opera di un impianto fotovoltaico è forse la fase più difficile di tutto l’intero ciclo di produzione.

Anche nei seminari che si occupano di nuove energie e che quotidianamente vengono organizzati in giro per l’Italia, la fase della posa in opera dei vari impianti viene identificata come momento cruciale, nonostante questo spesso viene affidata a personale privo della necessaria competenza. Il fenomeno è stato ribadito in un recente meeting svolto a Bagheria, in Sicilia, a conclusione di un corso gratuito indirizzato a studiare ed approfondire prospettive future, sviluppo e nuovi sbocchi  occupazionali all’interno della green economy. Nei vari interventi, tutti i relatori si sono soffermati su quanto sia importante curare gli aspetti strettamente pratici, come il collaudo e la messa in opera di un impianto fotovoltaico. La sottolineatura è stata apprezzata da tutti i giovani partecipanti che possono trovare nella messa in opera di tutte le componenti meccaniche, sia per l’energia rinnovabile, che per la meccanica in senso stretto, uno sbocco professionale di sicuro avvenire.

 

FONTE: http://www.comune.bagheria.pa.it/?idx=445&idPlugin=29004&calling=dettaglio&id=1453

La globalizzazione attuale propone mercati sempre più frammentati e difficili da scalare, nei quali il cliente si aspetta di acquistare il meglio al minor prezzo e con una disponibilità pressoché immediata. Un’arma indispensabile che garantisca una buona produttività è quella di ottenere un ottimo processo di manutenzione. Nell’industria e quindi anche nella meccanica di precisione, il processo di manutenzione riveste una delle funzioni essenziali a garanzia di un elevato standard di produttività. L’assenza di una buona e mutevole organizzazione della manutenzione, può far perdere all’azienda parecchi profitti a causa della scarsa qualità, della mancata produzione, per il ritardo con le consegne e per i danni a persone o cose.

Oggi la manutenzione si presenta come una necessità, da applicare su tutti i processi produttivi. Una efficiente e corretta gestione della manutenzione rappresenta un ottimo mezzo di riduzione dei costi che conduce ad una conseguente maggior competitività dell’impresa. Come il resto delle altre funzioni, anche la manutenzione deve perciò contribuire al raggiungimento di obiettivi a lungo termine. Non tanto quindi una semplice appendice all’interno delle funzioni di produzioni destinata a  generare inevitabili costi, ma un nuovo ed imprescindibile centro di profitto e strumento di forte competitività. È necessario ricordare inoltre come anche la sicurezza dei beni e delle persone sia una componente basilare degli obiettivi della manutenzione, regolata da importanti e restrittive leggi. Talvolta però la tecnologia di nuovi macchinari viaggia più velocemente rispetto alle normative,  pertanto è importante che i responsabili della sicurezza individuino istruzioni valide per ridurre qualsiasi tipo di rischio a persone e macchinari.

Nell’ultimo decennio, la  continua crescita delle complessità delle nuove tecnologie e dei suoi sistemi, la flessibilità e la qualità che le aziende costantemente mostrano, la regolare ricerca di una maggior protezione e sicurezza negli ambienti di lavoro, oltre all’aspetto economico determinato dagli elevati costi di manutenzione, ha condotto le aziende, nel contesto globale in cui operano, ad affrontare nuove e difficili sfide per quanto riguarda il servizio dedicato proprio alla manutenzione.

Emerge chiaramente come la valorizzazione dell’aspetto gestionale applicato ai servizi ed ai processi di manutenzione ricopra un ruolo sempre più centrale. Oggi inquadrare le manutenzioni industriali come un servizio specialistico comunque sempre di grande tecnica, appare limitativo. E’ necessario avere una visione più integrata ed ampia del processo di manutenzione. Questo comporta un differente approccio che comprenda una ottimizzazione di tutti gli aspetti più importanti; e parliamo di aspetti organizzativi, programmatici, tecnici e naturalmente economici.

Una rottura col passato, che focalizzi l’attenzione su due nuovi fattori che segnano una profonda e netta discontinuità e finora sconosciuti:

  1. Ingegnerizzazione del processo di manutenzione. Una fase che prevede una profonda analisi sviluppata per processi; lo studio  dei differenti sistemi di diagnostica, il costante miglioramento e la programmazione della manutenzione.
  2. Il servizio di manutenzione si trasforma in attività imprenditoriale per stare al passo coi tempi delle innovazioni organizzative.

Queste due novità aiutano indubbiamente a coordinare al meglio i processi di manutenzione anche in termini di gestione e di organizzazione, aumentando così gli indispensabili livelli di efficienza, qualità e sicurezza.

Keywords: manutenzione industriale, manutenzione impianti industriali

In Italia si effettuano circa 100.000 ricerche su Google attinenti al lavoro nel campo della meccanica, assemblaggio meccanico, ingegneria meccanica etc..

Ogni giorno, tutte le aziende che si occupano di recruiting di personale nel campo della meccanica, creano nuovi annunci di lavoro per lo più falsi.

Il marketing invade quindi ogni aspetto della nostra vita non escluso quello dell’assemblaggio meccanico e della meccanica di precisione.

Spesso quindi annunci di lavoro inerenti a tornitori, saldatori, ingegneri meccanici sono creati al solo scopo di collezionare dati, o in altre parole di acquisire i dati delle persone inerenti a questo mondo al fine di rivendere servizi o proporre offerte di lavoro in un momento successivo.

Il mio consiglio per tutti coloro che stanno cercando è quindi quello di essere intraprendenti. Cercate lavoro in maniera attiva senza limitarvi a cliccare la pubblicità “addetti per assemblaggio meccanico cercasi” bensì fate una ricerca delle aziende per cui vi piacerebbe lavorare, studiatele, capite chi ci sta dietro e la sua filosofia e poi mandate un curriculum aggiornato e una lettera di presentazione in cui esprimete le motivazioni e i desideri di voler lavorare con noi.

Personalmente guardiamo con diffidenza le richieste di lavoro che giungono, senza curriculum, senza lettera di presentazione e magari attraverso delle pubblicità sponsorizzate create per cercare clienti, perché ci danno l’idea di persone che non si pongono domande e lavorano esclusivamente in ottica di quantità.

Spero che questi consigli possano essere utili e buon lavoro a tutti!

 

Keywords: assemblaggi meccanici, assemblaggio meccanico, assemblaggi meccanici di precisione, lavoro offerte

Airbus Military ha dato via all’ultima fase di assemblaggio meccanico dei suoi aerei A-400M, a Siviglia.

Dopo aver conseguito e realizzato tutta la parte di assemblaggi meccanici, le linee di produzione continuano verso la fase finale di assemblaggio della carpenteria degli aerei che comprende: l’integrazione delle ali, e della parte alare centrale.

Le parti già assemblate del mezzo dell’aviazione militare francese arrivano da Francia e Germania e in particolare:

  • piano di coda verticale da Stade in Germania;
  • il muso da Saint Nazaire in Francia;
  • il piano di coda orizzontale da Tablada in Spagna;
  • e la fusoliera da Brema in germania.

 

FONTE: http://www.avionews.it/index.php?corpo=see_news_home.php&news_id=1138807&pagina_chiamante=index.php

 

Keywords: assemblaggi meccanici, assemblaggio conto terzi, assemblaggi meccanici di precisione

La storia degli assemblaggi meccanici di precisione non precisi si ripete…

Duro colpo per la Toyota che ha informato i media dell’immediato ritiro di 700.000 veicoli prodotti tra il 2005 e il 2009 per il mercato statunitense.

Il primo dubbio è venuto ai proprietari di auto che hanno notato la spia degli airbag rimaneva accesa senza ragione. Si scoprì in seguito che il problema era causato dal cavo dello sterzo della ruota.

I proprietari delle auto quindi, forse potranno avere il servizio di riparazione gratuita, ma ciò costerà non poco alla casa Giapponese impegnata nella produzione e assemblaggi meccanici di numerosi veicoli.

 

FONTE: http://www.dailygossip.org/700-000-toyota-vehicles-recalled-in-u-s-for-mechanical-problems-2698

 

Keywords: assemblaggi meccanici, assemblaggio conto terzi, assemblaggi meccanici di precisione

In molti in questo periodo fanno sentire la loro voce contro il taglio degli incentivi al fotovoltaico che avevamo ipotizzato qualche tempo fa leggendo quanto stava accadendo in Svizzera e Spagna.

ANIE-GIFI, Legambiente dicono a loro modo “NO a questa manovra”

Energia.it invece continua a considerare il mercato del fotovoltaico interessante recensendo in un suo articolo i Microinverter Enphase.

Questa tecnologie permette (promette) di risparmiare sui tempi di istallazione e di progettazione degli impianti fotovoltaici anche il 15% e aumentando la produttività dal 5% al 25%.

Siamo di fronte quindi a una più completa maturità delle tecnologie per la realizzazione impianti fotovoltaici e quindi la possibilità di recuperare i soldi investiti senza il bisogno degli incentivi statali.

 

FONTE: http://www.qualenergia.it/articoli/20120308-i-vantaggi-del-microinverter-enphase-i-medi-e-grandi-impianti-fotovoltaici

È organizzato dal Politecnico di Milano assieme alla School of Management dell’Università degli Studi di Bergamo il Master Executive in “Gestione della Manutenzione industriale e prevede lezioni di gestione aziendale, organizzazione della manutenzione, pianificazione della manutenzione, sistemi informativi della manutenzione, ingegneria della manutenzione, metodi e tecniche per la gestione dell’energia e molte altre materie ancora.

FONTE: http://www.mip.polimi.it/mediaObject/MIP/documenti/Master/Specialistici/megmi/Flyer-MEGMI_-2012/original/Flyer+MEGMI_+2012.pdf

Keywords: manutenzione industriale, manutenzione impianti industriali, manutenzione industriale straordinaria, manutenzione meccanica

Global Mec, annuncia il completamento dell’ultima campagna di informazione sul territorio nazionale.

Siamo particolarmente fieri della nostra visione collaborativa e a volte ci stupiamo quando proponiamo ad aziende della nostra categoria (meccanica conto terzi, assemblaggi meccanici, assemblaggi meccanici conto terzi) di partecipare ad attività lavorative in collaborazione.

Ci sentiamo di dire che a tal riguardo Global Mec ha sposato uno dei principi del green marketing dove la collaborazione porta in realtà ad una situazione win-win a favore di tutti i partecipanti.

E così riteniamo più strategico assicurarsi bandi di lavoro anche se da eseguire in tempi più ristretti del previsto poiché una forma collaborativa evita i rischi annessi ad ulteriori assunzioni e il pagamento di penali.

 

Keywordsmeccanica conto terzi, assemblaggi meccanici, assemblaggi meccanici conto terzi, green marketing

Gabriele Del Torchio, amministratore delegato di Ducati Motor, ha ribadito in un incontro con le parti sociali e il comune di Bologna, la volontà dell’azienda stabilizzare l’occupazione di circa 100 lavoratori (tra ingegneri e operai) attraverso contratti di lavoro part-time verticali a tempo indeterminato ed apprendistato professionalizzante, confermando che tutte le attività del vecchio stabilimento saranno trasferite nella nuova sede, comprese le lavorazioni meccaniche e l’assemblaggio meccanico di motori e dotando le linee di tecnologie più moderne e innovative.

 

FONTE: http://www.bolognatoday.it/economia/ducati-nuova-sede-cisl-stabilire-impegni-reciproci-per-garantire-occupazione.html

 

Keywords: global mec srl, montaggi meccanici, assemblaggio meccanico, assemblaggi meccanici,