La nuova frontiera del fotovoltaico nel 2013: l’autoconsumo

Nella seconda metà del mese di Giugno 2013, a Monaco, in Germania, si terrà la più grande fiera dell’industria solare dedicata all’autoconsumo delle energie rinnovabili.  L’Intersolar Europe è un punto di riferimento per questo settore, ma anche un’opportunità di aggiornamento ed allineamento internazionale che mantiene alto l’interesse per gli investitori industriali.

Se il fotovoltaico diventa interessante soprattutto in termini di risparmio sui consumi, la tendenza a consumare l’energia generata dalle proprie risorse è relativamente recente, ma sin da subito è diventata una novità radicale per quanto riguarda l’approvvigionamento dell’energia. Il risultato è che decine di aziende scelgono di investire nelle tecnologie del fotovoltaico traendo vantaggi economici dai sistemi di autoconsumo. Ciò dimostra che il prezzo dell’energia elettrica sta raggiungendo prezzi insostenibili per chiunque, soprattutto in un periodo storico in cui le tasse non mancano di certo.

I benefici maggiori dell’autoconsumo saranno delle aziende e delle industrie che sfrutteranno questa fonte di energia perché l’innovazione industriale, lo sviluppo tecnologico e l’adozione di alcune norme che ne tutelano la sostenibilità ambientale, sono aspetti dinamici della società che ci rendono attori e spettatori  di un radicale cambiamento in atto nelle energie rinnovabili, ed in particolare negli impianti fotovoltaici.

L’energia elettrica generata da impianti fotovoltaici non corre il rischio di rincaro sui prezzi, ed è un settore in cui il finanziamento pubblico viene elargito in molti Paesi europei, tra cui l’Italia. I recenti decreti ministeriali varati dal Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera, che prevedono incentivi per l’energia prodotta da fonte rinnovabile, sono interessanti perché lasciano intendere una stabilizzazione di quest’ultimi per il raggiungimento dell’efficienza energetica entro il 2013. Insomma, un altro segnale che poco toglie alla fotografia di un’Italia che vive una situazione d’incertezza, ma che dimostra pur sempre di essere un Paese in ripresa.

Secondo alcune stime il 2013 sarà probabilmente, per l’industria solare, un anno migliore rispetto al 2012, e sarà denso di novità nel settore delle energie rinnovabili. La sensazione maggiormente diffusa sulla produzione di energia rinnovabile è che rappresenti un’efficace alternativa agli standard produttivi sotto diversi punti di vista. Innanzitutto quello economico, dato che l’ autoconsumo dell’energia, ossia il produrre energia per se stessi, è sinonimo di risparmio energetico e comunque, com’è stato già detto, non rischia rincari. Inoltre, l’uso dell’energia rinnovabile e dell’installazione di impianti fotovoltaici, sono argomenti al centro di alcuni dibattiti ambientali incentrati sulla riduzione dell’inquinamento, pur ricoprendo ormai una buona percentuale come generatori di energia in tutta l’Europa. E, come da direttiva europea, lo smaltimento dei moduli fotovoltaici deve avvenire necessariamente attraverso la raccolta differenziata affinché essi vengano riciclati. Questo a sottolineare il grado di affidabilità e di innovazione di questa nuovo tipo di energia.

FONTE: http://www.datamanager.it/news/intersolar-europe-impianti-fotovoltaici-su-coperture-industriali-e-commerciali-42790.html

Comments for this post are closed.