Energie rinnovabili tra polemiche e buoni risultati

E’ apparsa in questi giorni su diversi giornali, quali La STAMPA, la notizia che l’Italia ha superato l’obiettivo di 8.000 MW fotovoltaici installati con ben 9 anni di anticipo rispetto a quanto stabilito nel Piano di Azione Nazionale. Il mercato del fotovoltaico italiano si è imposto all’attenzione come il 2° mercato al mondo per potenza annuale installata (installazione di impianti fotovoltaici estensivi e a uso domestico)

Nel frattempo Confindustria con la voce di Galli dichiara: “Nonostante gli ambiziosi obiettivi europei al 2020, l’Italia sconta una grave incertezza normativa che ha determinato per alcune tecnologie lo stallo degli investimenti”.

Al fine di eliminare queste incertezze è fondamentale quindi definire velocemente il quadro regolamentorio di riferimento individuando i criteri di partecipazione e gli incentivi per ciascuna fonte.

Secondo il direttore generale di Confindustria “l’efficienza energetica e’ lo strumento principale per conseguire gli obiettivi vincolanti previsti per la riduzione dei livelli di Co2”. Un settore che per gli industriali potrebbe creare 1,5 milioni di posti di lavoro, con un aumento annuo del Pil dello 0,4% fino al 2020.

Comments for this post are closed.