Macchine utensili: confermate le agevolazioni per il 2016 e intanto l’export cresce dell’8,3%

Sabatini-bis confermata a tutto il 2016, bonus fiscale per chi investe in macchinari tra i provvedimenti «in pole» nella Legge di Stabilità. Per il settore non è una vittoria completa ma le parole del sottosegretario all’economia Enrico Zanetti rassicurano la platea di imprenditori che lo ascolta alla Emo di Milano, maggiore rassegna mondiale delle macchine utensili. Impianti che finalmente vengono acquistati con volumi crescenti anche in Italia, dopo anni di mercato interno in caduta libera. Risalita quanto mai gradita per un comparto da 400 imprese e 32mila addetti, in grado di offrire un contributo al Pil di oltre sette miliardi di euro. «Il corso favorevole degli eventi – spiega il presidente di Ucimu-Sistemi per produrre Luigi Galdabini – deve ora essere rafforzato da misure aggiuntive, rendendo strutturali gli incentivi previsti dalla Legge Sabatini-bis e prevedendo provvedimenti ad-hoc per incentivare la sostituzione dei macchinari obsoleti.

20151006-Robot

Nei primi 6 mesi del 2015 l’export di macchinari prodotti in Italia è cresciuto dell’8,6% sul 2014. Particolarmente positivi i trend delle esportazioni verso Regno Unito (+142,4% rispetto al 2014), Repubblica Ceca (+83,9%) e Russia (+58,1%). Il mercato più importante per l’Italia resta comunque quello degli Usa, che vale da solo circa 176,4 milioni di euro.

0 comments

Write a Comment

Fields with * are required